dott. Fabio Bentivegna  
Psicologo Psicoterapeuta a Guidonia Montecelio  

 
 
 
 

Uomini, donne.. mamme e papà

 
 

La difficoltà della ripresa dell’attività sessuale dopo il parto è un problema che esiste, è una sensazione che molte coppie(quasi tutte a dire il vero) provano. Allora, se è un problema, perché non lavorarci?
Ritrovare l’intimità di coppia non è un passaggio semplice ed immediato, anzi il più delle volte è vissuto dalle donne come un vero scoglio da affrontare, per una serie di motivi sia di ordine fisico, che anche e soprattutto di ordine psicologico.
Una delle prime cose da tenere a mente è che non si tratta di un problema prettamente femminile, o meglio, spesso è la donna che rifugiandosi nel suo essere totalmente mamma, chiude le porte ad ogni possibilità di sentirsi ancora una volta donna e quindi di ricostruire un’intimità di coppia nuova e rinnovata. Ma essendo la neo mamma, parte di un sistema coppia, il “problema” riguarda entrambi. Il web si tinge di rosa e pullula di argomenti di questo genere, i forum (quelli per le mamme prolificano come funghi) sono zeppi di domande del tipo “dopo quanti mesi avete ripreso a fare sesso col vostro compagno? No, perché io mi sento bloccata, non ho proprio voglia, voglio essere solo del mio cucciolo, sono sempre stanca, non mi va.. etc”. Le donne si espongono più facilmente online su questo tipo di argomenti, sanno che troveranno appoggio nelle altre neo-mamme e utilizzando questi spazi come sfogo e confronto. Gli uomini (al solito) parlano di meno, online cercano più che altro il parere degli esperti (psicologo, sessuologo) che li aiuti a capire come poter ritrovare una felice intesa sessuale con la propria donna. Gli uomini esprimono la loro frustrazione, il loro sentirsi tagliati fuori dal rapporto diadico e simbiotico tra la compagna e il bimbo. Le donne spesso fanno a tutto ciò fanno spallucce. La donna dopo il parto (in particolare quello naturale) ha paura di provare dolore e utilizza spesso questa schermatura per negarsi al partner. Meno volentieri ammette di non sentire affatto il bisogno di concedersi al proprio compagno perché ha desiderio di rendere totalizzante ed indiscusso il rapporto col bimbo appena nato. Volendo andare a scomodare gli esperti, Donald Winnicott ci dice che durante i primi tempi la mamma si trova nella cosiddetta preoccupazione materna primaria, cioè è istintivamente occupata ad accudire il suo piccolo con sollecitudine e si trova col bimbo in uno stato simbiotico, di dipendenza reciproca, che in qualche modo continua la fusionalità della gravidanza. In questo periodo le attenzioni sono tutte o quasi dirette al neonato e il compagno deve riuscire ad accettare e comprendere la nuova situazione per poi pian piano riottenere il suo "posto" nell'equilibrio familiare.
Il puerperio dura all’incirca 40 giorni, al termine dei quali la donna dovrebbe essere fisicamente pronta per ridare al proprio corpo un’identità anche sessuale, ma il più delle volte non è questo quello che accade, perché oltre al desiderio, queste due persone devono ri-trovare lo spazio per pensarsi e percepirsi ancora come una coppia, anche se adesso sono in tre. Il lavoro da fare è quello di coltivare il rapporto a due, di nutrirlo di creatività e cercare di ristabilire una nuova intesa.

Un figlio non dovrebbe togliere nulla, dovrebbe solo aggiungere.

 

 


 
 
 


   



CONTATTI

tel. 0774.433177
(segreteria telefonica sempre attiva)
cell. 392.0369585
       392.0211205

 

DOVE SIAMO

via Umberto Maddalena, 72
Guidonia Montecelio (Roma)

 

E-MAIL

info@studiopsicologicoamemos.it
studiopsicologicoanemos@gmail.com

 

SITI WEB

www.studiopsicologicoanemos.it

www.psicologiguidonia.it